I file sono in formato csv per essere facilmente elaborati attraverso l'uso di fogli elettronici e possono essere prelevati nel formato compresso ZIP.
L'elenco dei file è ordinato per codice regione e codice provincia.
01 - Piemonte
001 - Torino Torino
002 - Vercelli Vercelli
003 - Novara Novara
004 - Cuneo Cuneo
005 - Asti Asti
006 - Alessandria Alessandria
096 - Biella Biella
103 - Verbano-Cusio-Ossola Verbano-Cusio-Ossola
02 - Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste
007 - Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste
03 - Lombardia
012 - Varese Varese
013 - Como Como
014 - Sondrio Sondrio
015 - Milano Milano
016 - Bergamo Bergamo
017 - Brescia Brescia
018 - Pavia Pavia
019 - Cremona Cremona
020 - Mantova Mantova
097 - Lecco Lecco
098 - Lodi Lodi
108 - Monza e della Brianza Monza e della Brianza
04 - Trentino-Alto Adige/Südtirol
021 - Bolzano/Bozen Bolzano/Bozen
022 - Trento Trento
05 - Veneto
023 - Verona Verona
024 - Vicenza Vicenza
025 - Belluno Belluno
026 - Treviso Treviso
027 - Venezia Venezia
028 - Padova Padova
029 - Rovigo Rovigo
06 - Friuli-Venezia Giulia
030 - Udine Udine
031 - Gorizia Gorizia
032 - Trieste Trieste
093 - Pordenone Pordenone
07 - Liguria
008 - Imperia Imperia
009 - Savona Savona
010 - Genova Genova
011 - La Spezia La Spezia
08 - Emilia-Romagna
033 - Piacenza Piacenza
034 - Parma Parma
035 - Reggio nell'Emilia Reggio nell'Emilia
036 - Modena Modena
037 - Bologna Bologna
038 - Ferrara Ferrara
039 - Ravenna Ravenna
040 - Forlì-Cesena Forlì-Cesena
099 - Rimini Rimini
09 - Toscana
045 - Massa-Carrara Massa-Carrara
046 - Lucca Lucca
047 - Pistoia Pistoia
048 - Firenze Firenze
049 - Livorno Livorno
050 - Pisa Pisa
051 - Arezzo Arezzo
052 - Siena Siena
053 - Grosseto Grosseto
100 - Prato Prato
10 - Umbria
054 - Perugia Perugia
055 - Terni Terni
11 - Marche
041 - Pesaro e Urbino Pesaro e Urbino
042 - Ancona Ancona
043 - Macerata Macerata
044 - Ascoli Piceno Ascoli Piceno
109 - Fermo Fermo
12 - Lazio
056 - Viterbo Viterbo
057 - Rieti Rieti
058 - Roma Roma
059 - Latina Latina
060 - Frosinone Frosinone
13 - Abruzzo
066 - L'Aquila L'Aquila
067 - Teramo Teramo
068 - Pescara Pescara
069 - Chieti Chieti
14 - Molise
070 - Campobasso Campobasso
094 - Isernia Isernia
15 - Campania
061 - Caserta Caserta
062 - Benevento Benevento
063 - Napoli Napoli
064 - Avellino Avellino
065 - Salerno Salerno
16 - Puglia
071 - Foggia Foggia
072 - Bari Bari
073 - Taranto Taranto
074 - Brindisi Brindisi
075 - Lecce Lecce
110 - Barletta-Andria-Trani Barletta-Andria-Trani
17 - Basilicata
076 - Potenza Potenza
077 - Matera Matera
18 - Calabria
078 - Cosenza Cosenza
079 - Catanzaro Catanzaro
080 - Reggio di Calabria Reggio di Calabria
101 - Crotone Crotone
102 - Vibo Valentia Vibo Valentia
19 - Sicilia
081 - Trapani Trapani
082 - Palermo Palermo
083 - Messina Messina
084 - Agrigento Agrigento
085 - Caltanissetta Caltanissetta
086 - Enna Enna
087 - Catania Catania
088 - Ragusa Ragusa
089 - Siracusa Siracusa
20 - Sardegna
090 - Sassari Sassari
091 - Nuoro Nuoro
092 - Cagliari Cagliari
095 - Oristano Oristano
111 - Sud Sardegna Sud Sardegna

Ripartizioni Ripartizioni
Regioni Regioni
Province Province
Comuni Comuni
Tutti i file Tutti i file

Bilancio demografico e popolazione residente per sesso al 31 dicembre

Il bilancio demografico della popolazione annuale fornisce i risultati del consolidamento delle elaborazioni dei microdati dei flussi della dinamica demografica acquisiti attraverso le notifiche inviate dai comuni al sistema ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) o, in alternativa, rilevati direttamente presso i Comuni che non sono ancora subentrati in ANPR.

A partire dai dati del 2019 il bilancio della popolazione residente tiene conto dei risultati del Censimento permanente della popolazione. Pertanto, i dati della popolazione residente 2020 sono confrontabili con le serie storiche della ricostruzione intercensuaria della popolazione residente (2002-2018).

Il numero di famiglie e il numero medio di componenti in famiglia al 31 dicembre, di fonte censuaria, è ancora in corso di validazione e verrà diffuso non appena disponibile. Per quanto riguarda la popolazione residente in convivenza e il numero di convivenze la rilevazione censuaria è prevista per il 2021. Al momento i dati pubblicati relativi alla popolazione residente in convivenze e al numero di convivenze si riferiscono al trattamento statistico dell'informazione di fonte anagrafica.

L’oggetto della rilevazione è costituito da tutti gli eventi di iscrizione e cancellazione anagrafica di individui nei registri anagrafici comunali (nati, morti, iscritti da altro comune, iscritti dall’estero, iscritti per altro motivo, cancellati da altro comune, cancellati per l’estero, cancellati per altro motivo).

In base alla legge anagrafica (Legge 1228/1954) tutta la popolazione avente dimora abituale in Italia deve essere iscritta in anagrafe (diritto/dovere). Per quanto riguarda i cittadini stranieri solo i regolarmente soggiornanti che ne facciano richiesta possono essere iscritti in anagrafe. Pertanto, i flussi conteggiati nella presente elaborazione fanno riferimento a tutti i residenti, sulla base del comune di residenza.

Unità di rilevazione e di analisi sono i 7.903 comuni attivi al 31 dicembre 2020.

I dati del bilancio demografico annuale della popolazione sono diffusi a livello comunale e fanno riferimento alla situazione amministrativa dell’anno di riferimento. Ogni anno può modificarsi il numero dei comuni sia per la costituzione di nuovi comuni, prevalentemente per la fusione di comuni già esistenti e conseguentemente soppressi, sia perché alcuni sono inglobati in altri che non cambiano nome. Inoltre si possono verificare trasferimenti di comuni da una provincia/regione a un'altra. In questo caso, per le province/regioni interessate, la popolazione finale dell’anno precedente non coincide con quella dell’anno considerato.

Bilancio demografico e popolazione residente per sesso al 31 dicembre

Anagrafe della popolazione: sistema continuo di registrazione della popolazione residente, continuamente aggiornato tramite iscrizioni per nascita da genitori residenti nel Comune, cancellazioni per morte di residenti e iscrizioni/cancellazioni per trasferimento di residenza da/per altro Comune o da/per l’Estero.

Convivenza: insieme di persone che, senza essere legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità e simili, conducono vita in comune per motivi religiosi, di cura, di assistenza, militari, di pena e simili. Le persone addette alla convivenza per ragioni di lavoro, se vi convivono abitualmente, sono considerate componenti residenti della convivenza purché non costituiscano famiglia a sé stante. I principali tipi di convivenza sono: istituti d’istruzione, istituti assistenziali, istituti di cura pubblici e privati, istituti penitenziari, convivenze ecclesiastiche, convivenze militari e di altri corpi accasermati, alberghi, pensioni, locande e simili, navi mercantili, altre convivenze (ad esempio, case dello studente, dormitori per lavoratori eccetera).

Famiglia: insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, unione civile, parentela, affinità, adozione, tutela, o da vincoli affettivi, coabitanti e aventi dimora abituale nello stesso comune (anche se non sono ancora iscritte nell’anagrafe della popolazione residente del comune medesimo). Una famiglia può essere costituita anche da una sola persona. L’assente temporaneo non cessa di appartenere alla propria famiglia sia che si trovi presso altro alloggio (o convivenza) dello stesso comune, sia che si trovi in un altro comune italiano o all’estero.

Iscrizione e cancellazione anagrafica per trasferimento di residenza: l’iscrizione riguarda le persone trasferitesi nel Comune da altri Comuni o dall’estero; la cancellazione riguarda le persone trasferitesi in altro Comune o all’estero. I trasferimenti da un Comune a un altro decorrono dal giorno della richiesta d’iscrizione nel Comune di nuova dimora abituale, ma sono rilevati quando la pratica migratoria, di ritorno dal Comune di cancellazione, risulta definita. I trasferimenti da e per l’estero sono rilevati nel momento in cui, rispettivamente, viene richiesta l’iscrizione o la cancellazione.

Iscrizioni e cancellazioni per altri motivi: si tratta di iscrizioni e cancellazioni dovute non ad un effettivo trasferimento di residenza, ma ad operazioni di rettifica anagrafica. Tra le iscrizioni sono comprese le persone erroneamente cancellate per irreperibilità e successivamente ricomparse e le iscrizioni di persone mai iscritte in anagrafe a più di un anno dalla nascita. Tra le cancellazioni sono comprese le persone cancellate per irreperibilità perché non risultano residenti in seguito ad accertamenti anagrafici e i cittadini stranieri cancellati dall'anagrafe per altri motivi non altrove classificabili (ad es. a seguito di definizione di procedimento di irreperibilità ordinaria, per mancato rinnovo della dichiarazione di dimora abituale a seguito di scadenza del permesso di soggiorno, ecc.).

Morti: numero dei morti relativi alla popolazione residente indipendentemente dal luogo in cui si sia verificato l'evento (in Italia, nello stesso o in altro comune, o all'estero). Sono quindi esclusi i morti in Italia non residenti.

Nati vivi: numero di nati da residenti nel comune indipendentemente dal luogo in cui sia avvenuta la nascita (in Italia, nello stesso o in altro comune, o all'estero). Sono quindi esclusi i nati in Italia da genitori non residenti.

Numero medio di componenti per famiglia: è dato dal rapporto tra la popolazione residente in famiglia ed il numero delle famiglie.

Popolazione residente: è costituita dalle persone aventi dimora abituale in un Comune, anche se alla data considerata sono assenti perché temporaneamente presenti in altro Comune italiano o all’estero.

Popolazione residente in convivenza: è costituita dalle persone aventi dimora abituale in convivenza, anche se assenti alla data del censimento.

Popolazione residente in famiglia: è costituita dalle persone aventi dimora abituale in famiglia, anche se assenti alla data del censimento.

Saldo censuario totale: è il correttivo totale che consente il riallineamento del calcolo della popolazione residente alle risultanze censuarie.

Saldo migratorio anagrafico estero: differenza tra il numero degli iscritti per trasferimento di residenza dall’estero ed il numero dei cancellati per trasferimento di residenza all’estero.

Saldo migratorio anagrafico interno: differenza tra il numero degli iscritti per trasferimento di residenza da altro Comune e il numero dei cancellati per trasferimento di residenza in altro Comune.

Saldo anagrafico per altri motivi: differenza tra il numero degli iscritti ed il numero dei cancellati dai registri anagrafici dei residenti dovuto ad altri motivi. Si tratta di un saldo tra iscrizioni e cancellazioni anagrafiche non corrispondenti a effettivi trasferimenti tra un comune di residenza e un altro, bensì a operazioni di correzione post-censuaria. Per quel che riguarda le iscrizioni, si tratta principalmente di soggetti in precedenza cancellati per irreperibilità e ricomparsi, oppure di soggetti non censiti ma effettivamente residenti. Tra le cancellazioni per altri motivi si annoverano, invece, i soggetti cancellati in quanto risultati non più residenti in seguito ad accertamento anagrafico, oppure i soggetti che si sono censiti come residenti in un comune senza possederne i requisiti.

Saldo migratorio anagrafico e per altri motivi: differenza tra il numero degli iscritti e il numero dei cancellati dai registri anagrafici per trasferimento di residenza interno, con l’estero o per altri motivi.

Saldo naturale anagrafico: differenza tra il numero di iscritti per nascita e il numero di cancellati per decesso dai registri anagrafici dei residenti.

Bilancio demografico e popolazione residente per sesso al 31 dicembre

Novità metodologiche nel conteggio di popolazione a partire dall’anno 2019

Il subentro dei comuni in ANPR, ormai in fase avanzata, ha consentito all’ISTAT di avviare già a partire dal calcolo della popolazione riferito all’anno 2019 il processo di innovazione tecnologica e metodologica finalizzato alla produzione dei dati del bilancio demografico sulla base dei micro-dati di flusso della dinamica demografica (MIDEA_ANVIS). L’innovazione introdotta, già prevista nel Piano statistico nazionale (PSN) in vigore, ha consentito il passaggio dall’approccio di contabilità demografica basato sui macro-dati dei modelli riepilogativi mensili (Mod. ISTAT D7B) e annuali del movimento e calcolo della popolazione residente comunale (Mod. ISTAT P2&P3) al MIcroDEmographic Accounting (MIDEA), basato sull’aggiornamento mensile dell’ANagrafe Virtuale Statistica (ANVIS) con i flussi individuali della dinamica demografica e sulla contabilizzazione dei modelli individuali relativi alle nascite (Mod. ISTAT P.4), ai decessi (Mod. ISTAT P.5), alle migrazioni interne ed estere, nonché alle iscrizioni e cancellazioni per altri motivi (Mod. APR.4) per la determinazione delle rispettive poste del bilancio demografico.

Importante novità introdotta dall’anno 2019 riguarda il riferimento temporale degli eventi: i flussi demografici relativi alla popolazione residente (nati, morti, iscritti e cancellati) vengono conteggiati per data di evento e non più di registrazione.

Il processo di consolidamento dei dati definitivi di ciascun flusso demografico, relativi all’anno t, prende avvio nei primi mesi dell’anno t+1 ed è inquadrato a livello micro nel sistema Midea-ANVIS.

È un insieme di procedure che, a partire dai micro dati di ANVIS produce un archivio nel quale viene garantita (il più possibile) la coerenza longitudinale in termini di tipologia di evento demografico, comune di residenza e cittadinanza per ciascun individuo presente in ANVIS nell’anno t.

Con frequenza annuale i flussi demografici dell'anno t vengono sottoposti ad un processo di controllo e correzione dei dati e caricati in ANVIS affinché sia possibile avere a disposizione la popolazione residente fino al 31.12.t.

Le principali informazioni presenti in ANVIS per ciascun individuo sono: data di nascita, sesso, cittadinanza, data di decesso (eventuale), luogo di nascita, comune di iscrizione e/o cancellazione per singolo evento, data di evento, tipologia di evento.

I principali output prodotti sono:

  1. conteggio degli eventi avvenuti in un determinato intervallo di tempo per comune, tipologia di evento, caratteristiche degli individui coinvolti;
  2. estrazione della lista di individui residenti in ogni singolo comune in un determinato giorno di calendario (equivalente delle LAC).

Il nuovo metodo di calcolo prevede l’esecuzione di controlli di tipo longitudinale sugli eventi riferiti alla stessa persona avvenuti nel corso del tempo. Tali controlli, verificando la coerenza tra tipologia di evento (iscrizione e cancellazione) e comune di residenza al quale sono riferiti, possono determinare anche delle modifiche, rispetto ai dati originali, nel conteggio delle poste di bilancio.

Inoltre, a partire dal bilancio del 2019 i conteggi dei flussi demografici sono il risultato di una progressiva integrazione delle evidenze di fonte anagrafica con altre fonti amministrative, anagrafiche e non, che concorrono alla costituzione del Registro statistico di base degli individui, delle famiglie e delle convivenze (RBI).

A tale scopo, la base di dati che è stata maggiormente utilizzata per allineare le poste di bilancio a RBI risulta essere quella delle Liste anagrafiche comunali (LAC) al 1.1 t+1, acquisite da ANPR o inviate dai comuni fino al subentro, che partecipano al processo di consolidamento dei dati con l’obiettivo di limitare la sotto-copertura degli eventi anagrafici inviati a Istat dai comuni.

Inoltre, i flussi dei morti, che concorrono alla costruzione del Bilancio demografico vengono consolidati con la nuova base dati di mortalità giornaliera della popolazione residente. La diffusione anticipatoria di dati tempestivi dei decessi giornalieri comunali - per il complesso delle cause, per genere ed età - è possibile grazie alla collaborazione con il Ministero dell’Interno per l’acquisizione dei dati ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) e con il Ministero dell’economia e delle finanze per l’acquisizione del flusso dei deceduti risultanti dall’Anagrafe Tributaria.

Il processo di consolidamento dei flussi si conclude a circa 11 mesi di ritardo data con la validazione dei dati del bilancio annuale e con l’allineamento della popolazione al 31 dicembre con i risultati del Censimento permanente della popolazione.

A partire dal 2018 la sovra e sotto copertura anagrafica costituiscono un fattore di correzione statistica inserito nel bilancio demografico della popolazione residente (Saldo censuario totale).